close
COME FARE PERFOOD

L’impiattamento perfetto do’s and dont’s

impiattamento perfetto

Complici le tante trasmissioni dedicate alla cucina, il termine impiattamento perfetto è ormai entrato a pieno titolo nel linguaggio comune.

Praticato tanto dagli chef professionisti quanto dai cultori de: “anche l’occhio vuole la sua parte” o semplicemente da chi possiede un Instagram Account, l’arte dell’impiattamento presuppone precisione, pulizia e soprattutto una buona dose di creatività.

Non si tratta solamente di disporre alla bell’e meglio gli ingredienti sul piatto, ma di creare una vera e propria piccola opera d’arte.
Come per nel caso della pittura, anche la cucina segue delle regole precise in quanto arte espressiva capace di coinvolgere più sensi.

Un piatto come esperienza artistica polisensorialeVista, olfatto, gusto, tatto e nel caso di una croccantezza convincente, persino l’udito. La cucina non è semplice spadellare, quindi.

Alla ricerca di qualche consiglio utile per migliorare o imparare la tecnica di impiattamento?

1 Semplicità

Il pericolo di realizzare un vero e proprio “Mappazzone” è sempre dietro l’angolo, occhio! Affidatevi sempre alla regola “less is more”, anche in cucina quindi. Il piatto non deve essere troppo pieno o sporco.

2 Armonia nel contrasto per un impiattamento perfetto

L’elemento cromatico è essenziale nella presentazione di un piatto in quanto, visivamente, ha un impatto molto forte. Scegliete di accostare l’un l’altro sapori e colori in grado di completarsi e esaltarsi a vicenda, in una parola: complementari. Per quanto riguarda le verdure, ad esempio, un’ottima idea è quella di farne risaltare opportunamente i colori cuocendole a vapore, invece di bollirle o preferendo una cottura al salto in padella.

3 L’importanza di essere il protagonista

Nell’ impiattamento perfetto ricordate che l’ingrediente principale della ricetta deve continuare ad avere voce in capitolo anche nella fase finale del suo svolgimento. Non va quindi sminuito dalla sovrabbonzanza di salse o elementi terzi che distolgano l’attenzione dalla star principale.

4 Rompete gli schemi

Non accontentatevi di disporre tutti gli elementi al centro del piatto, ma giocate con tutta l’area disponibile. Provate a decentrare, creando un mini percorso di sapori volendo per mezzo del quale accompagnate i vostri commensali alla scoperta della vostra ricetta.

5 Rompete gli schemi (2)

Ma è davvero obbligatorio impiattare sul piatto? Assolutamente no! Pietre e ceramiche, di diversi colori e opportunamente igienizzate, si prestano benissimo a una presentazione fuori dagli schemi.

6 Click e impiattamento perfetto è servito!

Il vostro operato è venuto bene?… Ma bene bene? Ok! Allora scattate. Mostrate al vostro pubblico online come vi destreggiate ai fornelli.
Fate la foto dall’alto, scegliendo una bella luce e gli effetti giusti per far risaltare le qualità cromatiche degli ingredienti che compongono il piatto.

Leggi anche Metti uno chef in cattedra

 

Tags : impiattamentoplating