close
COME FARE PERDIGITAL

Instagram food e il social per eccellenza

Instagram food

Instagram food: Inevitabilmente lo smart phone prende posto nella mise en place della tavola moderna.

Ad oggi esiste solo tutto ciò che viene fotografato e condiviso e ciò ci porta a fotografare ogni cosa che sta per essere assaporato.
Alcuni la definiscono una triste deriva, altre qualcosa di inevitabile e “evolutivo” dell’attuale società sempre più dipendente dall’ “Instagram food”.

Durante l’arrivo delle pietanze nulla viene intaccato se non viene prima fotografato. Il food è senza dubbio uno dei trend topic del momento e che maggiormente viene richiamato tramite gli hashtag di instagram.

I contenuti media come video e foto sono diventati ormai il principale canale di trasferimento di concetti, idee e messaggi verso qualsiasi traget.

L’hashtag che fa da principe a tutto questo veicolare di fotografie legate al cibo è #foodporn che ad oggi conta quasi 157 milioni di post.

Ma da dove deriva il termine foodporn?

Coniato negli anni 80 dalla femminista Rosalind Coward nel suo libro “Famale Desire” definendo pornografia alimentare l’attenzione estrema e morbosa nei confronti delle presentazioni del cibo.

Quindi condividere la foto della pietanza permette di condividere “il piacere” percepito in quel particolare momento.
Questo è stato percepito anche dalle aziende che fanno del marketing virale ragione di vita della loro azienda capendo che il social network in questione sarebbe stata una valida piattaforma di lancio.

Lo scopo non è solo raggiungere il più elevato numero di utenti e quindi potenziali clienti ma in particolare veicolare informazioni importanti su tematiche sentite come: la qualità degli ingredienti, la loro provenienza, la tradizione delle proprie ricette e la loro sostenibilità.

Dobbiamo riflettere però sul concetto che condividere il cibo è un aspetto intrinseco e millenare della vita sociale dell’uomo.
La mente immagazzina molto meglio un video o una foto rispetto a un testo scritto.

E’ giusto che la pagina instagram sia gestita direttamente dal proprietario o da un dipendente del locale piuttosto che da un’agenzia di comunicazione. E’ necessario far trasparire il proprio operato mettendoci emozioni soggettive stando attenti a non compiere errori.

Gestire un profilo instagram.
Se si vuole gestire una pagina aziendale su instagram è necessario seguire alcune regole di base del digitale.

1. La pagina deve raccontare quello che siete. Le foto devono far venire voglia di frequentare il locale e degustare i piatti che proponete.
Di conseguenza chi vi segue deve trovare realmente l’atmosfera che voi avete “postato”.

2. Aggiungete descrizione e contatti in modo che il cliente possa avere subito a portata di mano le informazioni principali e che gli saranno fondamentali per raggiungervi o eventualmente prenotare un tavolo.

3. Su instagram sono presenti due sezioni: i FEED cioè la galleria principale e le STORIES che durano solo 24 ore prima di essere cancellate.
Nel feed le foto dovranno risultare armoniose ed avere un tono cromatico uniforme senza contrasti e disaccordi fotografici.

4. Proprio per questa caratteristiche si possono ricondurre i feed a immagini del piatto finito o che ritragga la mise en place, mentre nelle stories è possibile condividere il dietro le quinte come ad esempio la preparazione stessa del piatto.

I clienti vanno stimolati e incuriositi trasmettendo la vostra passione per ciò che fate.

Se ci fossero dubbi sulla bellezza delle foto è meglio condividerle nelle stories e non nei feed che è la vostra vetrina principale.

Fra i più giovani, Instagram sta riscuotendo ancora più successo di facebook proprio grazie alla potenza della fotografia che in sé già racconta una storia.
Quindi meglio non dilungarci in descrizioni troppo lunghe e che pochi leggeranno, meglio puntare su messaggi essenziali, mirati e in grado di centrare il bersaglio

Hashtag

Dopo la foto seguono gli hashtag. Questi sono semplicemente delle parole che servono a categorizzare i contenuti e a classificarli in base agli interessi. Queste parole vengono sempre precedute dal simbolo “#”.

E’ fondamentale inserire hashtag pertinenti alla tipologia di foto a cui vogliamo abbinarlo.
Il profilo social deve essere aggiornato con costanza pubblicando contenuti e in particolare rispondendo alle domande che vi vengono poste.

 

Leggi anche: 5 segreti per strutturare uno showcooking

Tags : clientigalateomenunon convenzionalepassione per la cucina